• Attività Culturali

    e laboratori
i nostri laboratori

teatrosophia

laboratorio di recitazione

DOCENTE: Marta Iacopini
https://www.martaiacopini.com/
DURATA: da ottobre 2019 a giugno 2020
FREQUENZA: Mercoledì dalle ore 19.00 alle ore 22.00
PRIMA LEZIONE DI PROVA: Mercoledì 16 ottobre ore 19.00
Per prenotarsi alla prima lezione e per info chiamare i seguenti numeri:
0668801089 oppure 375 5488661

Il laboratorio teatrale è uno spazio - tempo di sperimentazione, nel quale i
partecipanti si mettono in gioco attraverso corpo, emozione e mente. Il corpo è il
primo strumento attraverso il quale si vive sulla scena, rimanendo in ascolto del
proprio sentire corporeo, qui e ora. Acquisendo consapevolezza della capacità
espressiva del proprio corpo, i partecipanti si collocano nello spazio vuoto della
scena, riempiendolo dei loro significati, vivendolo come spazio privato esposto al
pubblico. Lo spazio teatrale viene dunque sperimentato come un ambiente
consacrato al dono della propria creatività, basato sulla fiducia e sul rispetto delle
caratteristiche specifiche di ciascuno. Esso diventa il luogo dell’incontro, il campo
nel quale i singoli si percepiscono, si rispondono, si amalgamo in un unico sistema,
il gruppo. Ai partecipanti viene poi affidato il compito di entrare nello specifico di
una circostanza data attraverso improvvisazioni o testi da studiare e analizzare. Si
definiscono l’antefatto e le circostanze precedenti, il super-obiettivo e gli obiettivi, gli
ostacoli e le tattiche, gli stimoli e i colpi di scena. Si approfondisce il percorso della
differenziazione di sé, attraverso lo studio della costruzione del personaggio. Si
indaga e scopre il bagaglio emotivo e l’intimità del personaggio; si scoprono le
“maschere” e le azioni che il personaggio escogita per presentarsi al mondo.
Nell’alternanza di appartenenza e differenziazione i partecipanti si percepiscono
come individualità specifiche che si riconoscono nell’adesione al proprio gruppo.
Acquisire il senso dell’insieme diventa così un’abilità fondamentale per i
partecipanti, che imparano a costruire e collaborare con gli altri per un “bene
comune”, la messa in scena.

dalla scena alla psiche

Nell’arco dell’anno vengono affrontate 4 macro-aree di relazione, una ogni due mesi: ottobre, dicembre,  febbraio, aprile
1. LUNEDI’ 21 OTTOBRE dalle 18 alle 20: il rapporto col partner
2. LUNEDI’ 16 DICEMBRE dalle 18 alle 20: il rapporto genitore e figlio
3. LUNEDI’ 24 FEBBRAIO dalle 18 alle 20: il rapporto col lavoro
4. LUNEDI’ 27 APRILE dalle 18 alle 20: il rapporto con sé stessi

Per info chiamare i seguenti numeri:
0668801089 oppure 375 5488661

Obiettivo generale
Riflettere, attraverso testi teatrali, sulle proprie dinamiche personali ed
avviare un processo di consapevolezza di sé attraverso ciò che i testi
raccontano.
Obiettivi specifici
Il progetto ha lo scopo di sviluppare i seguenti obiettivi:

  • Sviluppare le proprie capacità introspettive,
  • Aumentare la propria consapevolezza di sé,
  • Condividere le proprie emozioni e il proprio bagaglio emotivo

attraverso il testo che permette di parlare di sé attraverso le emozioni
degli attori;

  • Viaggio alla scoperta dell’inconscio e i proprio meccanismi di difesa,
  • Migliorare le relazioni con gli atri.


Modalità
L’attività si svolge in due fasi:
1. Una lettura scenica della durata di mezz’ora;
2. Un dibattito tematico della durata di un’ora e mezza.
Le letture sceniche vengono interpretate da Marta Iacopini e Piergiorgio
Saracino. Ogni incontro viene moderato dalla psicoterapeuta Rosa Elisa
Miceli. Gli spettatori potranno condividere e restituire al gruppo
l’esperienza vissuta insieme, con l’intento di comprendere ciò che l’arte ci
fa sentire, come e cosa riverbera dentro di noi attraverso la scena,
lasciandoci guidare dalle nostre sensazioni: “Condivido ciò che sento
attraverso ciò che provo”.


Tempi
Nell’arco dell’anno vengono affrontate 4 macro-aree di relazione, una
ogni due mesi: ottobre, dicembre, febbraio, aprile. Se il numero di iscritti è
superiore al massimo previsto, è possibile svolgere più incontri con la
stessa tematica, affinché tutti abbiano uno spazio per ascoltare ed essere
ascoltati.


Partecipanti
Età: dai 18 anni in su. Minimo 8 - massimo 12 partecipanti

I partecipanti possono decidere di frequentare tutti e 4 gli incontri o solo
alcuni di essi. Se il numero di iscritti è superiore al massimo previsto, è
possibile svolgere più incontri con la stessa tematica, affinché tutti abbiano
uno spazio per ascoltare ed essere ascoltati.

Tematiche


Nell’arco dell’anno vengono affrontate 4 macro-aree di relazione, una
ogni due mesi: ottobre, dicembre, febbraio, aprile
1. LUNEDI’ 21 OTTOBRE dalle 18 alle 20: il rapporto col partner
2. LUNEDI’ 16 DICEMBRE dalle 18 alle 20: il rapporto genitore e
figlio
3. LUNEDI’ 24 FEBBRAIO dalle 18 alle 20: il rapporto col lavoro
4. LUNEDI’ 27 APRILE dalle 18 alle 20: il rapporto con sé stessi

Per info chiamare i seguenti numeri:
0668801089 oppure 375 5488661

Rosa Elisa Miceli
Psicologa Clinica e Psicoterapeuta ad orientamento Psicoanalitico, ha
maturato la sua esperienza professionale nel sostegno ai malati oncologici
(minori e adulti) ed ai loro familiari, nell’intervento psico - educativo per
l’inclusione sociale e l’integrazione dei diversamente abili e nella
formazione rispetto a varie tematiche psicologiche (disabilità- disagio-
arteterapia). Svolge attività libero professionale con minori, adulti e
coppie. Il suo pensiero teorico si fonda sulla psicologia clinica e dinamica
con particolare riferimento ad autori come Gabbard e alla Mc Williams.


Marta Iacopini
https://www.martaiacopini.com/

Piergiorgio Saracino
Consegue un Master di Commedia dell’Arte presso il Centro
Internazionale della Maschera di VeneziaInScena. Segue i corsi di Adriano
Iurissevich (maschere, improvvisazione e canovacci), Renato Gatto

(tecniche vocali), Andrzej Leparski (pantomima e acrobatica), Bob Heddle
Roboth (scherma teatrale). Segue corsi di doppiaggio (Roberto Chevalier,
Dante Biagioni).
Mette in scena spettacoli di Goldoni, Shakespeare, Feydeau, Simon, Frayn,
Ayckbourn, Fo, De Benedetti, Pirandello in qualità di attore e regista
(1997-2017) in importanti sale italiane. Con l’allestimento del COSÌ È (SE
VI PARE) vince il Premio Speciale della Giuria al Festival del Teatro
Forense 2015 presso il Teatro Golden di Roma.
Fonda e presiede (2002-2008) l’Associazione culturale Spiriti Allegri,
nell’ambito della quale struttura un programma coordinato di attività (corsi
di formazione per insegnanti, laboratori teatrali e creativi per studenti,
spettacoli mattutini e letture drammatizzate di testi classici) per decine di
scuole medie inferiori e superiori di Roma e provincia. Con THE
WOMAN IN BLACK di Stephen Mallatratt è nel cartellone della Sala
Umberto – Teatro Ragazzi
Dal 2009 organizza laboratori e stage di recitazione in qualità di docente

storia del teatro

DOCENTE: Flavia Martino

DURATA: 8 incontri con cadenza mensile da ottobre 2019 a maggio 2020

FREQUENZA:

LUNEDI’ 14 OTTOBRE 18/20

LUNEDI’ 11 NOVEMBRE 18/20

LUNEDI’ 9 DICEMBRE 18/20

LUNEDI’ 20 GENNAIO 18/20

LUNEDI’ 17 FEBBRAIO 18/20

LUNEDI’ 16 MARZO 18/20

LUNEDI’ 20 APRILE 18/20

LUNEDI’ 11 MAGGIO 18/20

Per info chiamare i seguenti numeri:

0668801089 oppure 375 5488661

“Cosa farne del teatro?
La mia risposta è: un’isola galleggiante, un’isola di libertà.
Derisoria, perché è un granello di sabbia
Nel vortice della storia e non cambia il mondo.
Sacra, perché cambia noi.”
E. Barba

Raccontare il teatro per raccontare noi stessi: da sempre, il teatro è lo specchio
dell’uomo, del suo modo di vivere e operare.
Ecco allora che si rende necessario, per chi fa teatro ma anche per chi guarda, cercare
di scoprire cosa è stato il teatro, quali sono le radici di una forma e istituzione
culturale che accompagna da sempre l’uomo.
Attraverso i secoli il teatro è sopravvissuto, a volte celandosi negli interstizi di una
società che lo rifiutava, a volte diventando luogo per eccellenza della società stessa.
Questo serie di incontri non si pone tanto l’obiettivo di un percorso cronologico
quanto piuttosto quello di agire tramite fili conduttori con i quali riuscire a parlare di
teatro e della sua storia in rapporto ai nostri sempre più complessi tempi, fino alla
domanda finale: può il teatro ancora sopravvivere?

1. IL MITO. Dall’antica Grecia dove il mito è il contenuto e il messaggio del
teatro alla nascita dei miti teatrali del Faust e del Don Giovanni, fino alla
riscoperta del mito nel Novecento come nel Mahabharata di Peter Brook
2. IL VIAGGO DELL'EROE: l’avventura umana attraverso le epoche, dal
Prometeo di Eschilo fino al GlennGarry Glenn Rose di David Mamet
3. OMBRA DI DONNA: poche sono le grandi eroine ma quando la donna entra
come protagonista assoluta sconvolge tutti gli equilibri e segna il passaggio a
un’epoca nuova, come dimostreremo partendo da Euripide e arrivando a
Cechov, Strindberg e Ibsen
4. LA SPEZZATURA DRAMMATURGICA: da Shakespeare a Beckett, i
drammaturghi hanno avuto il compito di raccontare il cuore del loro tempo
rivoluzionando tutto quello che potevano
5. L'ATTORE, QUESTO SCONOSCIUTO: viaggio nelle teoriche teatrali, da
Diderot fino ai grandi acting coach del Novecento
6. DELLA REGIA: lo spettacolo come unico organismo. Analizzeremo come
nasce la regia e poi racconteremo qualcosa del grandi registi italiani e stranieri
7. ALLA RICERCA DELL'HOMO NOVUS: la pedagogia teatrale che ha
riformato la recitazione e il lavoro dell’attore e che forse oggi potrebbe essere
la risposta giusta alla crisi dell’adultità
8. LE NUOVE FRONTIERE DEL TEATRO: oggi come può sopravvivere il
teatro? Come può reggere il confronto con la comunità on line? Domande e
forse qualche risposta.

 

FLAVIA MARTINO
FORMAZIONE

2008/2010 Diploma di Attore al Biennio Accademico presso l’Accademia
Teatrale di Roma “Sofia Amendolea”
Stage:
2018: Luciano Colavero, Le mie armi saranno pugnali. Stage su Amleto, La
Scaletta (Roma)
2018: Masterclass Audition, con F. R. De Martini
2016: Marta Gilmore, Isola teatro, Il perimetro del verso. Laboratorio su
Bei soldi di C. Churchill, Angelo Mai (RM)

2015: Fabrizio Saccomanno, La narrazione e il racconto, Teatro
dell’Orologio, Roma
2013: Tomaso Thellung, Alfredo Angelici, WTC- World Crisis Theatre, lab.
Europeo di ricerca teatrale sul rapporto fra crisi economica e teatro, Roma
2012 Michael Gieleta – Recitazione, Analisi del testo – Accademia Sofia
Amendolea - Roma
2011 Vincenzo Zingaro – Recitazione – Teatro Arcobaleno - Roma
2010 Flavio Albanese – Commedia dell’Arte - Roma
2010 Anne Nelson – Teatro drammatico - Gdansk
2010 Susan Kennedy – Teatroterapia - Gdansk
2010 Adam Rusilowski – Teatroterapia - Roma
2009 Nancy Furst, Corinna Vitale– Work with the body - Gdansk
2008 Gianfranco Migliorelli - Dizione e uso della voce- Roma
2007/2008 Caterina Merlino – laboratorio sulla drammaturgia di Samuel
Beckett, Roma
2005 Enrico Petronio, laboratorio su Romeo e Giulietta, Roma
2005, Nathalie Menta, laboratorio intensivo “Voce e Spazio”,Teatro Potlach,
Fara Sabina
TEATRO
-2018: Qualcuno di troppo, di M. Biondino e A. lo Vecchio, ruolo: Elena,
Teatro degli Audaci (RM)
2016/2018: Verità e no, di S. Krapp, regia F. Martino, ruolo: Chiara
2017: Adamantino e i segreti di Natale, regia di F. Mantoni, ruolo: la
mamma, tournèe nelle Marche
2017: La locandiera, di Carlo Goldoni, regia S. Santucci, stagione estiva
Anzio/Nettuno, ruolo: Mirandolina
2016/2017: Il fantasma di Canterville, di F. Martino, regia: F. Marigliani,
spettacolo di narrazione
2013/2016: Antigone fotti la legge, di G. B. Botta, ruolo: Antigone
2013/2016: Agenti e castisti, di G. B. Botta, ruolo: Renna, Valiante
2015: Reading Romeo e Giulietta sono morti, regia Massimo Cinque,
Teatro comunale J.P.Valley, Formello (RM)
Sirene (ripresa), testo e regia di F. Martino e V. Marturini,
 2014: vincitore Premio della Critica nel concorso Confronti Creativi,
Teatro comunale di Formello (RM)
 2013:: manifestazione “Quello che le donne non dicono”, Formello (RM)
2014: Pomi d’ottone e manici di scopa, di C. Colaninno e F. Fiorillo, teatro
J.P. Valley, Formello (RM)
2014: Mary Poppins, di C. Colaninno e F. Fiorillo, teatro J.P. Valley, Formello
(RM)
2014: Le fiabe di Ambretta, di C. Colaninno e F. Fiorillo, teatro J.P. Valley,
Formello (RM)
2014: Catalogo di donne, di A. Di Pasquale, evento in occasione della Festa
delle Donne, ruolo: Giulia
2013: Canto di Natale, di C. Colaninno F. Fiorillo, teatro J. P. Valley, Formello
(RM)

2013: Sirene, di F. Martino e V. Marturini, regia di E. De Vito, ruolo: Bia,
Fringe Festival (RM)
2013: Il kaos di Bernarda, da La casa di Bernarda Alba di F. Garcia
Lorca, regia G.B. Botta, ruolo: Angustias
2013: Donna libera, da La bisbetica domata di W. Shakespeare, di F.
Rotolo, ruolo: Caterina, Teatro S. Luca (RM)
2012/2013: Nemiche mie, di M. Graiani, regia B. Montefusco, ruolo: Vale
2012 La nostra classe, di T. Slobodzianek, regia M. Gieleta, ruolo:
Marianna,Teatro Sala Uno (RM)
2011 Romolus di I. Dammassa, coreografie M. P. Tucci, Mostra Internazionale
di Teatro per le Scuole, Auditorio del Massimo, (RM)
2011 Homo Sapiens, di I. Dammassa, coreografie M. P. Tucci, Mostra
Internazionale di Teatro per le Scuole Auditorio del Massimo, (RM)
2010 Meglio Zitelle, di Claudio Proietti, regia Camillo M. Ciorciaro e Giulia
Bornacin, ruolo: Lucia, teatro dei Contrari (RM)
2010 Apostoli, tutto è compiuto, di Fabio Omodei, ruolo: angelo, Teatro
Eliseo (RM)
2010 Pinocchiolo l’ottavo 7nano, di Paolo Alessandri, ruolo: co-
protagonista, Teatro Furio Camillo (RM)
2010 Match di improvvisazione italo – polacca, Gdansk, Polonia
2009 Autodafè, processo alla pulzella di Paolo Alessandri, ruolo: Giovanna
D’arco, Teatro Furio Camillo (RM)
2008 Va e Vieni, di Samuel Beckett, regia Pietro Dattola, ruolo: Vi, teatro
Dell’Orologio (Sala Orfeo)
2008 Cosa dove, di Samuel Beckett, regia Giusi Izzo, ruolo: Bam, teatro
Dell’Orologio (Sala Orfeo)
2007 Apnea, performance diretta da Rossella Viti e Roberto Giannini, F.A.O.,
Roma
Regia
2018: Stand by me. Notti d’agosto, di F. Martino, Spettacolo finalista del
DOIT festival
2017/2018: Il Decameron. Tutto Nel Baule, di F. Mantoni
2016/2018: Verità e no, di S. Krapp
2017/2018: Decameron. Tutto nel baule, di F. Mantoni, tournée nelle
Marche
2014/2018: Novecento, di A. Baricco
2015: Processo per l’ombra di un asino, di F. Durrenmatt, tournèe estiva
Puglia/Basilicata
2014: Il giro del mondo in ottanta giorni, Teatro J. P. Velley, Formello
(RM)
2014: Semifreddo in salsa agrodolce, di D. Tagliaferri, tournée estiva
Puglia
2013: Piramo e Tisbe, Prove da pazzi. Corto teatrale ispirato a Sogno di
una notte di mezza estate, Latronico (PZ)
CINEMA
2016: Elisa, di Patrick Mattaralli, produzione indipendente Shootingfilm

2015: Ancora una volta, diretto da Emanuele Gregori
2015: Controtransfert, diretto da Luca Ventura
2012 Mentre dormi, diretto da Simone Tolu
2012 Tirate sul regista, diretto da Patrick Mattarelli
2012 Ieri sera a cena, diretto da Cristiano Pedrocco
ALTRO
2016: Casanova Undressed, Sky Arte
2013: Superquark, Rai

laboratorio delle ipotesi

DOCENTE: Raffaella Ceres
DURATA: 4 incontri nelle seguenti date
- Domenica 13 ottobre dalle10 alle 12
- Domenica 17 novembre dalle10 alle 12
- Domenica 2 febbraio dalle10 alle 12
- Domenica 15 marzo dalle10 alle 12
PARTECIPANTI: massimo 12. In base al numero delle richieste si attiveranno infatti
doppi turni laboratoriali. I turni per fasce d'età verranno precisati in base al numero
di iscrizioni ricevute.Sarà possibile pensare delle strategie di inclusione efficaci per
famiglie con fratellini e sorelline comprese nelle età indicate.
Per info chiamare i seguenti numeri: 0668801089 oppure 375 5488661

Se è vero, come cantava Sergio Endrigo su testo di Gianni Rodari che “ le cose di ogni
giorno raccontano segreti a chi le sa guardare e ascoltare”, è chiaro come il nostro
primo passo verso un’attività laboratoriale creativa si possa compiere solo partendo
dall’osservazione.
I bambini vengono sollecitati ogni giorno e in modo quasi ossessivo da molteplici
tecniche e suggestioni di tipo strutturato. Numerosi progetti laboratoriali puntano al
prodotto finale e non all’attenta analisi del processo che i bambini e le bambine
attivano per compiere percorsi di apprendimento importanti.
Il laboratorio delle Ipotesi” ideato per lo spazio del Teatrosophia nasce pensando
alla valorizzazione del processo creativo che permette alle individualità dei
partecipanti di esprimersi in completezza attingendo linfa vitale dall’intelligenza
divergente che ciascuno di noi ha diritto di esplorare in maniera autonoma e
originale.

In questa speciale occasione il percorso dei nostri laboratori si articolerà in 4 incontri
che avranno come argomento tematico alcuni fra i più famosi libri per i meno grandi
scritti dal grande artista contemporaneo Bruno Munari.
Cappuccetto verde, Cappuccetto giallo, Cappuccetto Bianco saranno i protagonisti
dei primi tre incontri laboratoriali. Il quarto appuntamento vedrà prendere forma un
testo originale composto dai piccoli partecipanti e, nello specifico, diverrà una vera e
propria storia tattile che sarà divertente leggere senza mai stancarsi. I quattro
laboratori sono pensati sia come un percorso organico e continuativo, sia come
piccole parentesi di allegria distinte fra di loro.
Questa articolazione permetterà sia a chi potrà partecipare a tutti gli incontri sia a
chi ne sceglierà solo alcuni, di portare a casa un pezzettino di magia. Quella magia
che solo le fiabe sanno trasmettere.
La fiaba è il luogo di tutte le ipotesi diceva Gianni Rodari che spesso ha collaborato
con Bruno Munari. Coniugare il mondo delle fiabe a quello del laboratorio delle
ipotesi sarà un’occasione di divertimento e di sperimentazione in grado di stupire e
riflettere sotto il segno del divertimento creativo.

Raffaella Ceres
Pedagogista, Dottore in Scienze dell’Educazione con Perfezionamento in
Pedagogia Interculturale presso l’Università degli Studi Roma Tre. Insegnante
dal 1996 presso le Scuole dell’Infanzia e nei Servizi 0-6 del Comune di Roma.
Consigliere Nazionale del Coordinamento Nazionale Pedagogisti e Educatori,
già Co.n.p.ed, attualmente è anche formatrice per le insegnanti della Scuola
dell’Infanzia statale presso Engim nazionale, ente di formazione accreditato dal
MIUR. Redattrice e collaboratrice in diverse webzine regionali e nazionali,
unisce la sua formazione umanistica ad un costante lavoro di ricerca e di
approfondimento attraverso le forme d’arte teatrale, musicale e museale di
matrice sperimentale. Ha conseguito nel 2019 il certificato 101 di Analisi
Transazionale.

laboratorio di dizione

DOCENTE: Guido Lomoro

DURATA: 10 incontri di un’ora e mezza ciascuno

FREQUENZA: Mercoledì dalle ore 19.15 alle ore 20.45

PRIMA LEZIONE: Mercoledì 9 ottobre ore 19.00

Per info chiamare i seguenti numeri:

0668801089 oppure 375 5488661

Un corso base che illustri e porti all’apprendimento dell’esatta pronuncia delle vocali toniche e delle consonanti per eliminare inflessioni dialettali ed errori spontanei e innati. Una parte teorica ed una pratica: l’illustrazione delle regole sarà accompagnata da molteplici esercizi anche dal carattere divertente che guidino l’allievo ad un apprendimento naturale e non forzato. Scansione e articolazione saranno ulteriori fonti di esercitazione. 

Il corso si articolerà in 10 lezioni con cadenza settimanale in due momenti della stagione.

Il primo inizierà nel mese di ottobre 2019. Il secondo nel mese di febbraio 2020 Il gruppo dovrà essere formato da un minimo di 5 persone ad un massimo di 12 Su richiesta si effettuano anche corsi a livello individuale o con due persone

associati online

teatrosophia

L'ingresso e le attività di Teatrosophia sono riservate ai soci.
È presente l'accesso per disabili.